Le condanne sono un po’ come il cancro. Lei non ha il cancro e quindi può partecipare al dolore di altri…“. E’ la frase che, durante il talk “Otto e mezzo”, su La7, è stata pronunciata da Daniela Santanchè a proposito delle grane giudiziarie di Silvio Berlusconi nell’ambito del processo Ruby e che ha scatenato l’indignazione della conduttrice, Lilli Guber. La pasionaria del Pdl si è resa protagonista di una veemente polemica in più atti con Andrea Scanzi e la stessa Gruber. Il primo match si registra con lo scontro tra la Santanchè e il giornalista de “Il Fatto Quotidiano”, che le rammenta alcune intercettazioni schiaccianti ed esprime la sua sulle “cene eleganti”: “Capisco che Ghedini e l’onorevole Santanchè credano che quelle donne stessero parlando di Omero, dell’Iliade e dell’Odissea o che il rituale sabbatico del dover baciare la statuetta di Priapo sia riferito alla mitologia greca o romana. E magari” – continua – “ci diranno che Marysthell Polanco andava ad Arcore per parlare di Kierkegaard e la Minetti parlava di Schopenhauer”. Scanzi rammenta all’esponente del Pdl la sua frase storica contro il Cavaliere (“Silvio Berlusconi ci vede solo orizzontali, non ci vede mai verticali”) e osserva: “Lei dice che ad Arcore non succedeva niente, quando era presente alle cene. Ci credo che era così, perchè lei è una politica. Faccio fatica a pensare Verdini e Alfano fare lap-dance, anche perchè immaginare una cosa del genere fa diventare impotenti tutta la vita“. Daniela Santanchè difende pervicacemente Berlusconi e attacca a più riprese Ilda Boccassini e la magistratura “politicizzata”, scontrandosi reiteratamente con Andrea Scanzi e Lilli Gruber, fino a sbottare: “Mi stupisco, Gruber, che lei non sia rimasta colpita dal processo“. “Lo sono stata, invece, molto”, risponde lapidaria la giornalista

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nitto Palma: “Attraverso un tribunale vogliono far fuori dalla politica Berlusconi”

next
Articolo Successivo

Governo e processi, falchi all’attacco. Ma Berlusconi vara la strada della “saggezza”

next