In Inghilterra, quando si fa un governo si usa mettere su contemporaneamente il cosiddetto “governo ombra”, quello che l’opposizione costituirebbe se andasse al potere. Sono nomi e cognomi, non dichiarazioni generiche, così la gente sa con precisione di che si tratta e per chi vota.

Facciamo finta di essere inglesi e di fare il nostro ‘ghost government‘, quello che vogliamo portare a Palazzo Chigi. L’opposizione, da noi, è costituita da Sel, dal Movimento 5 Stelle e da quella parte del Pd – o come cavolo vorrà chiamarsi – che è contraria a Berlusconi; nonché da diverse e importanti forze sociali.

Il governo, comunque vorrà chiamarsi, sarà la coalizione dominata – per forza numerica – dagli alleati di Berlusconi. Il leader dell’opposizione è il leader dei vittoriosi referendum per i diritti civili e l’acqua pubblica, prof. Stefano Rodotà, della Sinistra Indipendente.

Ecco il governo ombra su cui a mio parere – passata la fase più propriamente psichiatrica, che potrebbe durare ancora anche qualche settimana – potrebbero utilmente convergere le forze e rivoluzionarie e riformiste presenti nell’attuale crisi. Fra parentesi, i rispettivi partiti politici, o soggetti della società civile, di riferimento. Alcuni di essi possono a prima vista sembrare obsoleti o addirittura scomparsi, ma una riflessione più approfondita potrebbe destare qualche sorpresa.

– Presidente del Consiglio dei Ministri. e attuale Capo dell’Opposizione: Rodotà (Sinistra Indipendente);
– Vicepresidente del Consiglio e Ministro dell’Economia: Barca (Pd, o equivalente);
– agli Interni: un nome indicato dal Presidente, eventualmente – ma non necessariamente – proveniente dalle Forze dell’Ordine o dalla Magistratura);
– agli Esteri: Fava (Sel);
– Grazia e Giustizia: Zagrebelsky (Libertà e Giustizia);
– Lavoro: Landini (Fiom);
– Pubblica Istruzione: l’unico Nobel italiano vivente;
– Università e Ricerca: Nando dalla Chiesa (di Libera);
– Tecnologie: Casaleggio (M5S);
– Sanità: Strada (Emergency);
– Comunicazioni: Giulietti (Articolo 21);
– Beni Confiscati: Ingroia (Coordinamento Antimafia Palermo).
Non indico un possibile Ministro della Difesa perché non ho le competenze per farlo, e soprattutto perché sarebbe molto difficile – a monte – la scelta fra un tecnico semplicemente incaricato del rapido ritiro delle nostre truppe all’estero dovunque dislocate e un “politico” (una Lidia Menapace o un padre  Zanotelli) in grado di dare a una tale – ormai indifferibile – operazione un più ampio significato etico e di rispetto della nostra Costituzione.

* * *
Certo, ho bevuto parecchio. Ma chi pensa di potere andare avanti a urla e speranze è più ubriaco di me, che almeno faccio una proposta. E chi si rassegna a stare insieme con Berlusconi, per qualunque periodo e per qualunque motivo, non può essere altro, ovviamente, che un antidemocratico e un traditore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd Busto Arsizio, “sede non disponibile per giovani nella sera del tesseramento”

next
Articolo Successivo

Siamo ripiombati nel 1992?

next