A una settimana dall’attentato alla maratona di Boston, l’allerta terrorismo è ancora alto. La polizia canadese in coordinamento con le autorità statunitensi ha arrestato due persone, a Montreal e Toronto, sospettate di aver pianificato un attacco terroristico sulla linea ferroviaria Toronto-New York. Secondo le autorità, l’arresto non è da collegare con l’attentato alla competizione del Massachussets  e neanche con la cellula dormiente a cui si sospetta potessero appartenere i due fratelli ceceni accusati.

I due, Chiheb Essenghaier e Raed Jaser, non sono cittadini canadesi e sono stati tenuti sotto osservazione per oltre un anno, in Quebec e in Ontario. Le indagini avrebbero quindi invece appurato come il complotto fosse “appoggiato” da elementi di al Qaida in Iran, anche se gli investigatori non si sbilanciano su un’eventuale appoggio diretto o indiretto da parte del regime di Teheran.

 “L’attacco non era imminente, ma i due avevano la capacità di portare a termine quello che avevano progettato”, affermano gli investigatori, spiegando come l’intento dei terroristi fosse molto probabilmente quello di far deragliare il treno. Ma non si esclude l’ipotesi di una bomba a bordo.

L’operazione che ha permesso di bloccare il piano criminoso è stata condotta in collaborazione con le forze di sicurezza e dell’antiterrorismo americane, hanno spiegato le autorità canadesi, che hanno invitato alla calma e hanno rassicurano la popolazione: “A questo punto non esiste alcuna minaccia imminente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Boston, i diritti “negati” al presunto colpevole in attesa del processo

next
Articolo Successivo

Libia, esplosione davanti all’ambasciata di Francia. Due feriti

next