A una settimana dall’attentato alla maratona di Boston, l’allerta terrorismo è ancora alto. La polizia canadese in coordinamento con le autorità statunitensi ha arrestato due persone, a Montreal e Toronto, sospettate di aver pianificato un attacco terroristico sulla linea ferroviaria Toronto-New York. Secondo le autorità, l’arresto non è da collegare con l’attentato alla competizione del Massachussets  e neanche con la cellula dormiente a cui si sospetta potessero appartenere i due fratelli ceceni accusati.

I due, Chiheb Essenghaier e Raed Jaser, non sono cittadini canadesi e sono stati tenuti sotto osservazione per oltre un anno, in Quebec e in Ontario. Le indagini avrebbero quindi invece appurato come il complotto fosse “appoggiato” da elementi di al Qaida in Iran, anche se gli investigatori non si sbilanciano su un’eventuale appoggio diretto o indiretto da parte del regime di Teheran.

 “L’attacco non era imminente, ma i due avevano la capacità di portare a termine quello che avevano progettato”, affermano gli investigatori, spiegando come l’intento dei terroristi fosse molto probabilmente quello di far deragliare il treno. Ma non si esclude l’ipotesi di una bomba a bordo.

L’operazione che ha permesso di bloccare il piano criminoso è stata condotta in collaborazione con le forze di sicurezza e dell’antiterrorismo americane, hanno spiegato le autorità canadesi, che hanno invitato alla calma e hanno rassicurano la popolazione: “A questo punto non esiste alcuna minaccia imminente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attentato Boston, i diritti “negati” al presunto colpevole in attesa del processo

prev
Articolo Successivo

Libia, esplosione davanti all’ambasciata di Francia. Due feriti

next