Occupare le aule di Camera e Senato nella giornata di mercoledì e autoconvocare le commissioni permanenti giovedì mattina. Questo quanto annunciato dai capigruppo del Movimento 5 stelle Vito Crimi e Roberta Lombardi in conferenza stampa invitando gli altri partiti a fare la stessa cosa sbloccando così la situazione. “Noi abbiamo già indicato i nostri componenti per le varie commissioni – spiega Crimi – le autoconvochiamo per giovedì mattina alle ore 10 e invitiamo tutti gli altri partiti a fare lo stesso cominciando a lavorare ai disegni di legge”. Lombardi ha, inoltre, espresso “la preoccupazione per il Parlamento bloccato” e promette “iniziative anche fuori da Montecitorio e Palazzo Madama. Abbiamo bisogno – dice – di riformare la legge elettorale, di fare un provvedimento sul conflitto di interesse e sul reddito minimo garantito e di sforbiciarè i costi della politica riportandoli a livelli decenti e degni di un Paese europeo”. Crimi ha anche ribadito che il Movimento chiederà “che tutte le forze politiche votino la ineleggibilità di Silvio Berlusconi e dei suoi avvocati”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alemanno s’infuria in diretta: “Vergogna, dite balle”

prev
Articolo Successivo

#OccupyParlamento su twitter, M5S leggeranno la Costituzione nelle Camere

next