Cresce l’esercito degli scoraggiati. Sono in tutto 1,6 milioni nel 2012, secondo l’Istat, gli italiani che non cercano più lavoro perché ritengono di non riuscire a trovarlo. E tra loro 1 milione e 150mila ha tra i 35 e 64 anni, in aumento del 10,1 per cento. Gli scoraggiati rientrano tra gli inattivi, coloro che né hanno un’occupazione né la cercano, categoria che comprende però anche gli studenti, le casalinghe e i pensionati.

Ma se la crisi ha portato a una forte contrazione dell’intero universo degli inattivi, che sono diminuiti del 3,9 per cento, non è stato così per gli scoraggiati: coloro che non cercano il lavoro solo perché pensano di non trovarlo sono infatti aumentati nel complesso del 5,3 per cento. Coloro che dichiarano di non essere a caccia di un impiego perché convinti di non poterlo trovare, risultano in crescita soprattutto nelle fasce d’età più alte, con un rialzo del 13,3 per cento tra i 45-54enni e del 23,1 per cento tra i 55-64enni. Al contrario il fenomeno segna un’attenuazione tra i più giovani (-5,1 per cento tra gli under 35).

Significa quindi probabilmente che ripetuti tentativi andati a vuoto portano con il passare degli anni a uscire dal mercato del lavoro. Insomma, vista l’età degli scoraggiati, chi getta la spugna potrebbe essersi ritrovato dopo tante prove senza alcun risultato. Rilevante è anche la differenza tra uomini e donne, con le scoraggiate che superano quota un milione (1 milione 96 mila), salendo dell’8,6 per cento su base annua.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anas, “favoritismi e poca trasparenza”. I dipendenti non sono tutti uguali

next
Articolo Successivo

Lavoro, avvocati giuslavoristi: “Da riforma Fornero impatto devastante su giustizia”

next