A Milano e dintorni l’odontoiatria è in mano a una serie di service privati che gestiscono gli ambulatori degli ospedali pubblici. E’ l’ennesimo capitolo dell’opaca privatizzazione della Sanità all’ombra del Pirellone. L’eccellenza lombarda tanto sbandierata dall’ex Giunta Formigoni vale 50 milioni di euro l’anno ed è in mano a una “lobby dei denti” formata da personaggi legati a Comunione e Liberazione (leggi l’inchiesta). Tranne una struttura: l’ospedale Sacco, l’ultima frontiera totalmente pubblica sopravvissuta all’assalto dei privati in Regione. “Da noi si curano i ‘casi complessi’ rifiutati altrove – racconta Antonella Sparaco, responsabile del dipartimento cure dentali del nosocomio milanese – Abbiamo fatto una ricerca ed è risultato che la metà dei nostri pazienti ha subito un rifiuto da parte di un altro ambulatorio”. Chi sono i pazienti? “Sieropositivi, malati di tumore, cardiopatici e anziani”, risponde la professoressa. Insomma, gli ultimi. Ma ora questo baluardo rischia di chiudere: a giugno, infatti, molti dei contratti atipici con cui è inquadrato gran parte del personale scadranno e c’è il rischio che non vengano rinnovati, siglando praticamente la morte del servizio. A quel punto i privati faranno a gara per subentrarvi  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Carcere disumano”, detenuto per mafia chiede di uscire. Decide la Consulta

prev
Articolo Successivo

Uk, carte di credito comunali ai poveri. Ma non per alcool e sigarette

next