Contro la privatizzazione di Sea Handling sarà sciopero generale. Lo hanno annunciato i sindacati di base Usb, Flai, Ugl e Cub al termine delle assemblee che si sono svolte giovedì pomeriggio a Linate e Malpensa, in assenza delle tre sigle confederali. Si annuncia dunque una stagione molto calda negli aeroporti milanesi, con i lavoratori che si sono detti pronti a bloccare gli scali. A Malpensa cinquecento lavoratori di Sea Handling hanno sfilato pacificamente al terminal uno, al termine dell’assemblea in cui è stata deliberata all’unanimità la decisione di indire uno sciopero generale per protestare contro le manovre della proprietà (in particolare del comune di Milano e del fondo F2i) verso la privatizzazione della società, una prospettiva che metterebbe a rischio una parte dei 2400 posti di lavoro garantiti oggi da Sea Handling. Scelte difficili e imposte dalla decisione della Commissione Europea di considerare la ricapitalizzazione da 360 milioni di Sea Handling un aiuto di Stato, da restituire integralmente. Decisione alla quale la proprietà intende opporsi e della quale ha interessato il governo di Mario Monti. Il corteo si è concluso agli imbarchi, dove i lavoratori hanno usato fischietti e saltato scandendo slogan contro il titolare del fondo F2i Vito Gamberale, e il sindaco di Milano: “Chi non salta Pisapia è“. Nei prossimi giorni si riunirà un coordinamento di lavoratori che dovrà decidere e dettagliare le forme di lotta da attuare per farsi ascoltare dalla proprietà  di Alessandro Madron

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bridgestone, quando la ruota smette di girare

next
Articolo Successivo

Sicilia, Crocetta: “Ho cancellato 235 enti, alcuni con corsi fantasma sulla formazione”

next