Equitalia e Agenzia delle Entrate arrendetevi siete circondati!”. E ancora rivolto ai dipendenti degli enti: “Hai ricevuto questo messaggio perchè alcuni cittadini ci hanno fornito informazioni, fatti e prove su di te che denunciano i tuoi abusi ed i tuoi crimini. Noi ti stiamo monitorando e presto agiremo contro di te. Ti apriremo come una scatoletta!”. Il testo è di un messaggio circolato in rete in una mail inviata dall’indirizzo [email protected] lunedì 4 marzo dopo le 21. Oggetto: “Roma 2013 Update: Equitalia e Agenzia delle Entrate arrendetevi siete circondati”. L’Agenzia delle Entrate ha allertato gli inquirenti, e in un comunicato stampa ha parlato di “un falso indirizzo associato in modo fraudolento al movimento cinque stelle” e di un “attacco da parte di ignoti”.

La mail dai toni intimidatori minaccia anche i dipendenti dei due istituti e chiede ai cittadini di interpretare “questo messaggio come chiamata a reagire contro questi feudatari vigliacchi” e invita a inoltrarlo “a tutti quei cittadini onesti che stanno subendo le torture di Equitalia”. Non solo: si invitano i cittadini a raccogliere “fatti e circostanze come: email, intercettazioni telefoniche, fotografie, indirizzi, riprese video ed audio ed inviale al Movimento Cinque Stelle. Noi stiamo raccogliendo un enorme archivio e presto ti daremo la giustizia che meriti. E sarà una giustizia diretta!”. Su Twitter gli utenti rilanciano la notizia della mail e chiedono al Movimento 5 Stelle di smentire ufficialmente qualsiasi coinvolgimento. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Imu, esenzione per enti non commerciali vale anche per immobili in comodato

prev
Articolo Successivo

Città della Scienza, incendio a Napoli. De Magistris: “Città sotto attacco”

next