Due bottiglie di vino sardo e una lettera di congratulazioni di un simpatizzante. E’ quello che conteneva il pacco ‘sospetto’ recapitato oggi a casa Grillo e proveniente da Alghero, in Sardegna. L’involucro è arrivato davanti alla villa di Beppe Grillo a Sant’Ilario, Genova. E’ stato recapitato da un corriere e gli artificieri dell’arma dei carabinieri sono intervenuti per portarlo via. Infatti, per ragioni di sicurezza, hanno ritenuto di non far saltare la scatola all’interno della casa.  Il pacco, di medie dimensioni, è indirizzato al leader del Movimento 5 Stelle e sia il destinatario sia il mittente era scritti sul pacco a mano con un pennarello blu.

A ritirarlo è stata la moglie di Grillo che, insospettita probabilmente dalla calligrafia, ha poi chiamato i militari. Si trattavadi una scatola di cartone chiusa da nastro adesivo marrone. L’indirizzo, tracciato a pennarello, come mittente reca il nome di un uomo residente ad Alghero e indica come contenuto “libri usati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il clan dei Casalesi anche in Versilia: 23 arresti, anche una donna

next
Articolo Successivo

Dimissioni papa, l’ultimo giorno di Benedetto XVI dà il via alla Sede Vacante

next