Deve restare in carcere. Alessandro Proto, il finanziere di 38 anni arrestato lo scorso 14 febbraio con le accuse di manipolazione del mercato e ostacolo all’attività degli organi di vigilanza in relazione a comunicazioni sui titoli Tod’s e Rcs, aveva presentato la richiesta di scarcerazione o, in subordine, gli arresti domiciliari nel corso dell’interrogatorio di garanzia. Ma il gip di Milano Stefania Donadeo ha respinto l’istanza. Per il giudice infatti sussiste il pericolo di fuga, in quanto Proto è residente in Svizzera.

Proto, lo stesso giorno in cui è stato arrestato, aveva comprato Pubblico per 400mila euro e qualche giorno prima aveva attaccato Il Fatto Quotidiano. Il finanziere si era anche candidato alle primarie del Pdl che poi si sono risolte in un nulla di fatto e qualche giorno dopo il suo annuncio di entrata in politica era stato raggiunto da un avviso di garanzia della procura di Milano che poi ha portato al suo arresto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Finmeccanica, Lupo: “Io imbarazzante per il Csm? Me ne sarei già andato”

prev
Articolo Successivo

Provenzano, al 41 bis ma senza telecamera. Mistero sulla caduta in cella

next