Prosciolti dall’accusa di peculato e di violazione di corrispondenza, l’ex direttore del Sismi Niccolò Pollari e l’ex funzionario dello stesso Servizio, Pio Pompa. Il solo Pompa è stato invece rinviato a giudizio con l’accusa di possesso ingiustificato di mezzi di spionaggio. Il processo per lui inizierà il 17 ottobre davanti alla Corte d’Assise di Perugia. Lo ha deciso il gup del Tribunale del capoluogo umbro Carla Maria Giangamboni.

L’indagine ruotava attorno ad un presunto archivio riservato, contenente dossier illeciti su magistrati, funzionari e giornalisti, che venne scoperto nel 2006 dalla Procura di Milano nell’ambito dell’inchiesta sul sequestro di Abu Omar. L’inchiesta venne quindi trasferita prima a Roma e poi a Perugia per competenza. Nel corso dell’udienza preliminare venne anche sollevato il segreto di Stato. L’ex direttore del Sismi Niccolò Pollari, dopo aver appreso di essere stato prosciolto, tramite il suo avvocato Nicolò Madia, si è detto “sollevato, nonostante il segreto di Stato gli abbia impedito di dimostrare compiutamente la sua estraneità alle accuse”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mps, pm Trani indaga su Bankitalia e su cinque banche per derivati

prev
Articolo Successivo

Abu Omar, in appello condannato a 7 anni ex capo Cia in Italia Jeff Castelli

next