Primi anni Novanta. Tangentopoli deve ancora travolgere i partiti della prima Repubblica e a Milano, la Milano da bere, comandano ancora i socialisti. Il giovane Gianluigi Nuzzi, ai tempi cronista freelance di cronaca giudiziaria, entra in possesso di un elenco molto interessante: tutti gli affittuari delle case del Pio Albergo Trivulzio. “C’erano tutti i giornalisti che contano – racconta – Da Lina Sotis del Corriere a Cinzia Sasso di Repubblica”. Case da urlo in zone di pregio per poche centinaia di migliaia di lire al mese. “Avevo lo scoop, ma nessuno voleva pubblicarmelo. Perché su quella lista c’erano anche i colleghi delle testate con cui ai tempi lavoravo”  di Franz Baraggino e Lorenzo Galeazzi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

12/12/12, Fatto in Tv. “Chi vuole la libertà? Quello che la stampa non dice”

next
Articolo Successivo

12/12/12, Fatto in Tv. Gli edicolanti: “I giornalisti? Chierici asserviti al potere”

next