Fissata la data delle consultazioni per la Regione Lazio per il 3 e 4 febbraio e il presidente della Provincia Nicola Zingaretti si dimette per candidarsi col centrosinistra. Tuttavia, fonti ministeriali non escludono che possa comunque essere portato avanti un ultimo tentativo per accorpare il voto per il dopo-Polverini al 10 marzo. Infatti si starebbe esaminando la possibilità di approntare un provvedimento per rinviare la data delle urne, in modo così da consentire l’accorpamento con le politiche e con il voto in Lombardia e nel Molise. Una delle ragioni, oltre alla necessità di contenere i costi, è che per il 3 febbraio sussistono problemi tecnici, anche legati al tempo per la raccolta delle firme. 

“Finalmente, con la firma del Decreto di indizione da parte del Prefetto Giuseppe Pecoraro, abbiamo una data certa, ufficiale e definitiva per lo svolgimento delle prossime elezioni regionali”, ha detto Zingaretti a seguito del provvedimento per indire le elezioni a febbraio, così come stabilito dal Tar. La firma del documento per indire le consultazioni elettorali era prevista entro tre giorni dalla sentenza del tribunale amministrativo regionale che qualche giorno fa aveva accolto un ricorso presentato dal Movimento difesa del cittadino, annullando così il decreto con cui la governatrice uscente Renata Polverini aveva indetto le elezioni per il 10 e 11 febbraio.

“Coerentemente con questa novità e con la mia scelta di candidarmi alla Presidenza della Regione Lazio – ha proseguito Zingaretti – , ho consegnato alla Presidente del Consiglio Provinciale, Giuseppina Maturani, le mie dimissioni da Presidente della Provincia di Roma, che diventeranno efficaci, come previsto dalla legge, decorso il termine di 20 giorni. Fino a quel momento – ha puntualizzato – continuerò ad essere al servizio dell’Istituzione che ho guidato con orgoglio in questi cinque anni”. 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se de Magistris risponde (male) a Saviano

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, i partiti da Napolitano. Si va verso il voto il 10 marzo

next