”Ho visto questa mattina il filmato sui lacrimogeni e ho dato incarico al capo di Gabinetto di avviare un’indagine per verificare l’andamento dei fatti e il modo in cui si e’ verificato l’episodio. Io stessa sto andando adesso al ministero”. Così il ministro della Giustizia, Paola Severino, durante una conferenza a Palazzo Chigi, mentre il Consiglio dei ministri e’ ancora in corso, dopo aver visionato il video pubblicato sul sito di Repubblica.it che ritrae il lancio di lacrimogeni, mercoledi’ scorso, dalla sede del dicastero di via Arenula. Le ipotesi, ha aggiunto, ”possono essere molteplici. Io ho solo invitato coloro che stanno facendo le indagini a farle nel modo più rigoroso” perché ”si tratta di un episodio su cui è bene accertare la verità” e ”rassicurare l’opinione pubblica che quando ci sono episodi dubbi si procede con un accertamento”. L’indagine, ha detto ancora il ministro, ”non darà risultati ad horas, ma darà risultati appaganti sulla ricostruzione della verità dei fatti”. Al momento comunque, ”non posso escludere o includere alcuna ipotesi fino a che non avremo finito l’esame delle persone che erano presenti al ministero”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa, Dell’Utri: ‘Processo a Roma’. Parti civili: no ai Borsellino, sì ai Lima

next
Articolo Successivo

Crac Windjet, Pulvirenti chiede risarcimento ad Alitalia: ‘Concorrenza sleale’

next