Valter Lavitola ha patteggiato davanti al gup di Napoli Francesco Cananzi una pena di 3 anni e 8 mesi per la vicenda dei fondi dell’editoria a L’Avanti. L’accusa nei confronti dell’ex direttore, avanzata dai pm Woodcock e Piscitelli, era di truffa e bancarotta.

Silvio Berlusconi ha intanto  comunicato alla procura della Repubblica di Roma che domani non sarà presente a Palazzo di giustizia per essere ascoltato come testimone nell’inchiesta riguardante la presunta estorsione di 500mila euro ad opera, secondo l’accusa, dell’imprenditore Gianpaolo Tarantini, della moglie di questi, di Lavitola e di altre due persone. La comunicazione è stata fatta per fax dall’avvocato di Berlusconi Nicolò Ghedini al procuratore aggiunto Francesco Caporale e al pm Simona Marazza. In particolare, Berlusconi non si presenterà in quanto nel week end sarà fuori Italia per impegni istituzionali e rientrerà lunedì prossimo. Ora i magistrati romani cercheranno di trovare un accordo perché l’ex presidente del Consiglio raccolga il loro invito a testimoniare. Nel programma dei pm c’è anche l’interrogatorio di Lavitola, che è detenuto a Napoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Processo Ruby, cinque Olgettine: “Silvio ci dà ancora 2500 euro al mese”

prev
Articolo Successivo

Processo Ros, pg Milano chiede 26 anni per ex generale Ganzer

next