Quattro condanne per la vicenda dell’appalto della caserma Marescialli di Firenze, nell’ambito dell’inchiesta sulla cricca, che riguarda anche gli appalti per il G8 2009. Il tribunale di Roma ha inflitto, tra gli altri, tre anni e 8 mesi di reclusione per Angelo Balducci, ex presidente del provveditorato ai lavori pubblici, e Fabio De Santis, ex provveditore delle opere pubbliche della Toscana.

I giudici di piazzale Clodio hanno inoltre condannato gli imprenditori Francesco De Vito Piscicelli e Riccardo Fusi, rispettivamente a 2 anni e 8 mesi e a 2 anni. Per quest’ultimo la pena è stata sospesa. Il tribunale ha inoltre stabilito per Balducci e De Santis l’interdizione per cinque anni dai pubblici uffici. La “cricca” era accusata di concorso in corruzione aggravata per un atto contrario ai doveri d’ufficio nell’ambito del processo sulle presunte irregolarità nell’appalto della scuola Marescialli di Firenze. Erano quattro i fatti al centro del procedimento romano avvenuti tra il febbraio 2008 e la primavera del 2009 tra Firenze e Roma. Il Tribunale è stato più severo con l’imprenditore Piscicelli, noto alle cronache poichè, nel corso di un’intercettazione telefonica, rideva al telefono con il cognato la notte del terremoto dell’Aquila pensando agli affari che avrebbe potuto fare.

Secondo l’accusa Balducci e De Santis avrebbero accettato con la mediazione di Piscicelli la promessa di ricevere da Riccardo Fusi e altri la corresponsione di una somma di denaro per compiere atti contrari ai loro doveri d’ufficio. In particolare i due funzionari al momento del fatto avevano ricevuto da Piscicelli in via continuativa utilità economiche come somme di denaro, beni, prestazioni professionali, lavori di ristrutturazione, soggiorni e viaggi vacanza. Sempre agli stessi Balducci e De Santis e ad altri due imputati il Tribunale ha attribuito le spese di custodia in carcere e l’incapacità a trattare con la pubblica amministrazione per tutta la durata della pena inflitta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, “Cash trapping” la nuova tecnica del furto ai bancomat

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, le difese: “Nessuna anomalia nei collegi, per Zambetti voto diffuso”

next