Secondo i ragazzi di Zuccotti Park, i due candidati alla Casa Bianca sono come i lottatori di wrestling: “Sul ring si picchiano, ma poi nel backstage si bevono una birra insieme”. “Obamney”, ironizza una ragazza di fianco al suo sacco a pelo: “Che vinca uno o l’altro, non cambierà niente perché i due programmi elettorali sono troppo simili”. “Ci chiedono di scegliere fra il peggio e il meno peggio”, concede un terzo ragazzo, ma precisa: “Occupy è un movimento sociale, non un partito politico. Non c’è nessuna possibilità che dia il suo endorsement a un candidato”  di Tiziano Scolari

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Harlem: dimmi cosa mangi e ti dirò di che classe sociale sei

prev
Articolo Successivo

“Depenalizzare le droghe leggere conviene”. Ricerca Uk scatena il dibattito

next