Ha superato il mezzo milione la richiesta di biglietti per assistere ai due concerti live di Adriano Celentano all’Arena di Verona, questa sera e domani sera. Le richieste sono pervenute da tutto il mondo ed equivalgono a riempire l’anfiteatro per 50 serate di fila. Dall’apertura della prevendita, l’11 luglio, in poco più di due ore, sono stati venduti 23mila biglietti di tutti i settori, dai posti di prima platea a 165 euro a quelli del secondo anello messi in vendita, per volontà dello stesso Celentano,  a un euro.  L’evento è in diretta televisiva su Canale 5 e in radiofonica su RTL 102.5 dalle 21 di questa sera. 

Ad aprire la prima serata di ‘RockEconomy‘ è appunto l’economia. Dopo un’anteprima con mini-sermone affidato alla voce fuori campo di Adriano che torna a ripudiare la guerra e l’abbandono della terra per il cemento, il programma parte con l’attore Valerio Amoruso e la giornalista del Tg5 Cristina Bianchino che leggono brani degli economisti-ecologisti Jeremy Rifkin e Serge Latouche. Il concerto inizia con ‘Svalutation’, poi prosegue con il rock’n’roll anni ’50 di ‘Rip it up’ e con ‘Si è spento il sole’. A un primo abbozzo di “sermone” durante il concerto il pubblico rumoreggia e Celentano decide di rimandare.

Alle 22,30 il cantante presenta sul palco l’economista Jean Paul Fitoussi e i giornalisti del Corriere della Sera Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo. Fitoussi parla di un’Europa “senza democrazia”, che dovrebbe avere un governo “eletto dai cittadini”. Nel dibattito si è poi inserito Gianni Morandi, protagonista di alcuni duetti canori con Celentano.

Il Fatto Quotidiano segue il primo concerto del molleggiato da 18 anni con una diretta twitter di Andrea Scanzi e Carlo Tecce

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raffaello verso Picasso: il marketing delle emozioni

next
Articolo Successivo

Quando canta, nessuno è meglio di Adriano

next