La Guardia di finanza questa mattina si è presentata in Regione Piemonte e presso la sede di tutti i gruppi consiliari. Gli ufficiali hanno chiesto i registri con la contabilità dal 2008 a oggi. L’intervento della GdF è avvenuto a seguito dell’apertura di un’inchiesta presso la Procura di Torino. Il Presidente del Consiglio regionale, Valerio Cattaneo (Pdl), non parla di un caso Piemonte, anzi afferma che dal 2010 l’istituzione si è resa più trasparente e meno sprecona. Davide Bono, capogruppo del M5S in Regione, commenta i primi dati che sono stati pubblicai sul sito della Regione questa mattina: “Ci sono casi di consiglieri che lo scorso anno hanno ricevuto 3mila euro netti al mese di rimborsi chilometrici e per i gettoni di presenza”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sull’Espresso l’agonia di Francesco, morto dopo più di 3 giorni di letto di contenzione

prev
Articolo Successivo

A Forcella, l’“industria” della droga non risente dello spread

next