Due motovedette della Guardia di Finanza per essere “accompagnata” sulla terraferma. Non è il caso di un generale o un ufficiale in servizio ma quello dell’attuale (ancora per poco dice lei)  presidente della Regione Lazio, Renata Poverini. L’esclusiva raccontata dal settimanale L’Espresso si riferisce allo scorso 24 giugno, quando la Polverini è stata immortalata da alcuni fotografi a bordo di un guardiacoste di 22 metri delle Fiamme Gialle nel porto di Anzio. La governatrice era insieme ad altri suoi 4 amici ed era di ritorno dall’isola di Ponza dove aveva partecipato su invito al premio Caletta. A scortare la motovedetta sui cui viaggiavano Polverini & company, c’era inoltre un’altra motovedetta, una V2050, usata solitamente per contrastare il contrabbando.

Il settimanale racconta inoltre che secondo Alberto Lauretti, l’organizzatore della serata, “il grosso delle spese se ne vanno per i trasporti e i biglietti degli aliscafi” e aggiunge che “gli ospiti arrivano sempre con mezzi pubblici, così è stato per Paolo Bonaiuti, per il prefetto di Latina e tutti gli altri”. Non per Renata Polverini però, che si è sentita autorizzata a “strappare” un passaggio alle Fiamme Gialle e a usare i finanziari (come si vede nelle foto de L’Espresso) come facchini per sbarcare i bagagli. Infine sempre stando alle testimonianze in possesso de l’Espresso, “ore prima dello sbarco tre pescherecci sono stati fatti spostare dalle Fiamme Gialle per garantire un attracco rapido e  – scrivono dal periodico – un motoscafo militare che vigilava a largo del molo, accogliendo poi l’arrivo della motovedetta presidenziale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Campania, da 2 anni aspettano gli orali del concorso. Intanto lavorano altri

prev
Articolo Successivo

Svizzera, nuovo attacco della Lega ticinese: “Un muro ci separi dall’Italia”

next