Penso che Renata Polverini si sarebbe dovuta dimettere tempo fa. Non una settimana fa. Non appena è esploso lo scandalo Fiorito. Ma molto prima, mesi prima. Per una banale e drammatica questione di cattivo governo.

Lo pensavo due giorni fa, lo credo ancora di più oggi, dopo averla ascoltata. Dimissioni anticipate ci avrebbero, prima di tutto, risparmiato orrende metafore e triviali paragoni. Abbiamo scoperto, infatti, di esserci addirittura sfracellati come la Concordia mentre le ostriche viaggiavano numerose e lunghe (?) in consiglio regionale. Un’immagine surreale, degna di una mal riuscita imitazione di Dalì. Ostriche e sfracellamenti. Ma c’è di peggio, c’è l’ultima, accorata, ammissione della (ormai) ex governatrice. In questi anni è stata, ha confessato, una donna in gabbiaNon era una presidente libera.

Ecco. Credevo fosse solo poco brava, inadeguata. Invece era pure schiava. Chissà come avrà preso le principali decisioni, chissà con che spirito avrà agito. Schiava. Priva, quindi, di capacità di discernere. Incapace di prendersi una vera responsabilità. Oltretutto bugiarda. Perché, come ha ammesso, solo una persona libera, quale è diventata oggi, può parlare, raccontare i fatti a suo dire allucinanti che ha visto. E coperto. E accettato. E taciuto.

No. Non bastava la cattiva presidenza. Era pure minacciata.

Dite ai ghostwriter della Polverini di non guardare Romanzo criminale mentre le stanno scrivendo il discorso di chiusura. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lazio, Abbruzzese diceva al consigliere: “Le spese? Non posso fartele vedere”

next
Articolo Successivo

Regione Veneto, ai 60 consiglieri un “fuori busta” da 2100 euro al mese

next