Prendo circa 20mila euro lordi di pensione al mese, ma il massimo di ferie che ho fatto nella mia vita è di venticinque giorni consecutivi. Ora andate a leggervi il contratto dei metalmeccanici. Leggetevelo. Venite qui preparati”. Non smette mai di sorprendere il sottosegretario all’Economia, Gianfranco Polillo, che durante il talk show politico “L’ultima parola”, su RaiDue, ha snocciolato alcune perle memorabili. “Lavoro da circa cinquant’anni e ho cominciato a diciotto anni, fatevi un po’ il conto” – esordisce, motivando la ragguardevole pensione che intasca – “Leggete però quante sono per contratto le vacanze attribuite alla categoria dei metalmeccanici. Un operaio con dieci anni di anzianità ha cinque settimane di ferie all’anno, quindici giorni di permessi retribuiti” – continua – “e totalizza due mesi di vacanze all’anno. Bisogna prendere atto che nel nostro Paese, negli anni passati, abbiamo giustamente avuto tutti quanti una vita più o meno allegra“. “Non la seguo” – commenta con incredulità il conduttore Gianluigi Paragone. “E beh, certo, non mi segue perchè dico cose sgradevoli” – replica, compiaciuto, Polillo. Ma non è finita: nel dibattito sulla crisi economica, il sottosegretario sfodera un’altra gemma: “Sull’economia reale abbiamo potuto fare poco, anche perchè siamo convinti che sull’economia reale qualsiasi governo può fare molto poco“. Inevitabili le reazioni di dissenso del pubblico e degli ospiti in studio. Particolarmente veemente è  quella di Giulio Sapelli, economista e docente dell’Università degli Studi di Milano, che nel corso della trasmissione mostra sconforto e disapprovazione, gesticolando e scuotendo a più riprese la testa. “Sono sconcertato” – dichiara – ho capito bene cosa vuol dire perdere il senso di giustizia, le dichiarazioni di Polillo segnalano la decadenza morale di questo Paese“. La polemica si infiamma quando Sapelli critica duramente le scelte del governo tecnico e rivolgendosi al sottosegretario, dice: “Credevo che lei fosse un onorevole o senatore, perchè parla come un vecchio politico. Mi sembrava che lei fosse un doroteo”. Il match continua quando Polillo legge i dati relativi alle proiezioni di crescita previste dal Governo Monti per il 2014 e il 2015. Sapelli, con sorriso sardonico, lo interrompe e dice: “Quei numeri non vogliono dire nulla economicamente. Guardi, vuol proprio dire che tutto siete meno che un governo tecnico“. Gran finale con il sottosegretario all’Economia che chiede: “Visto che siete tutti scienziati qui dentro, mi date una ricetta per l’economia? di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Catricalà: “Monti bis? Se serve non ci tireremo indietro”

prev
Articolo Successivo

Contro le porcate un sistema c’è

next