“Ragazzi, studiare vi fa ricchi” (anche in busta paga). S’intitola così la copertina di Panorama in edicola oggi dedicata a John Elkann, il “leader della più famosa dinastia imprenditoriale italiana” che dalle pagine del settimanale del gruppo Mondadori “invita la politica e le imprese a fare di più per la scuola”. Non solo. Il 36enne presidente della Fiat su designazione del nonno Gianni Agnelli, nell’intervista incentrata sulle attività della fondazione della famiglia torinese a favore della scolarizzazione, spiega l’importanza dell’istruzione per la società e per i giovani, soprattutto in tempi di crisi. 

“Dati alla mano, studiare a lungo, specie all’interno di percorsi scolastici di qualità, è il modo più efficace per trovare lavoro – sottolinea -. Chi ha studiato di più e bene ha più opportunità degli altri, soprattutto in momenti come questo. Inoltre studiare conviene, come dimostra uno studio della Banca d’Italia: ogni anno d’istruzione in più equivale a un aumento della retribuzione futura di circa il 9 per cento. E’ uno dei migliori investimenti che si possano fare”. Del resto Elkann, che nel 2011 ha percepito 3,299 milioni di euro oltre ai dividendi, è indubbiamente un intenditore di retribuzioni.

Due parole anche sulla Fiat e sui dipendenti. “A oggi non abbiamo alcun problema di natura economico-finanziaria, anche grazie alla crescita delle attività di Fiat-Chrysler nel mondo. Anzi, prevediamo di chiudere il 2012 con risultati migliori del 2011. E questo nonostante il mercato italiano sia tornato ai livelli di 40 anni fa”, dice. Mentre ai lavoratori preoccupati per il futuro degli stabilimenti vorrebbe dire “che è meglio far parte di un gruppo che c’è e fa profitti piuttosto che di un gruppo che non c’è più”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Il nostro progetto? Irrealizzabile”. Fiat, nuova marcia indietro su ‘Fabbrica Italia’

prev
Articolo Successivo

Medici precari e archeologi delle fogne: le storie dei lettori su “giovani e lavoro”

next