Senza vergogna e senza paura. Così il Popolo della Libertà di San Stino di Livenza, paesino di 13 mila anime tra San Donà di Piave e Portogruaro, ha ricordato il ventennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Tra gli ideatori dell’iniziativa il consigliere comunale Giuseppe Canali, ex assessore nella precedente amministrazione, eletto con la Lega e transumato nel Pdl, animatore dell’associazione politico-culturale “I Trecento” che si ispira alle gesta di Leonida e dei suoi uomini alle Termopili. Sotto ai visi di Falcone e Borsellino si leggono infatti due frasi attribuite a tal Paolo Grasso: “Darei a Berlusconi un premio per l’antimafia” e “Fondamentali le leggi introdotte dal suo governo“.

Falcone e Borsellino
Ora, a parte che non esiste alcun Paolo Grasso che di professione faccia il procuratore nazionale antimafia (probabilmente avrà voluto indicare Pietro Grasso), ci si chiede se codesto Canali conosca quantomeno la genesi, la nascita e la crescita di Forza Italia prima e del Pdl dopo. Se abbia seguito la cronaca degli ultimi 20 anni, se abbia mai sentito parlare di Cosentino, di Dell’Utri e di una bizzarra vittima dei soprusi mafiosi, Silvio Berlusconi. Se sia a conoscenza che nel suo partito di provenienza, la Lega Nord, Berlusconi lo chiamavano affettuosamente “il mafioso di Arcore“. Se la risposta a una di queste domande è “sì” siamo di fronte a una deliberata offesa alla memoria dei due magistrati siciliani. Se è “no” attiveremo un corso di recupero per l’intraprendente Paolo Canali, pardon, Giuseppe, in modo che ad ottobre sia in pari con gli altri italiani che in questi anni sono stati attenti. In tal caso allo stato dell’arte la frase sul manifesto dovrebbe essere “20 anni e noi non abbiamo capito niente“.

La seconda osservazione è che, come si temeva, quella frase sciagurata di Pietro Grasso sui meriti del governo Berlusconi nella lotta alla mafia, pronunciata ai microfoni di Radio 24, ha generato mostri. E ora viene usata come motto, come slogan da quelli che credono davvero a questa balla supersonica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ignazio Cutrò, testimone usa e getta

prev
Articolo Successivo

Si ricostruisce l’Aquila? No, si ruba…

next