La procura di Trani ha concluso le indagini nei confronti dell’agenzia di rating franco-statunitense Fitch e ha depositato gli atti. La notizia è stata riportata dal Tg5. Gli indagati sarebbero due manager dell’agenzia che ha sede a Parigi e il legale rappresentante in Italia della stessa società. Le ipotesi di reato sono le stesse contestate a Standard and poor’s e Moody’s: manipolazione del mercato azionario e delle merci con giudizi falsati, con l’aggravante per Fitch di una agenzia che aveva e ha un rapporto contrattuale con la Repubblica italiana. A condurre le indagini è stato il pubblico ministero Michele Ruggiero che ha coordinato gli uomini della Guardia di finanza di Bari. 

Il 24 gennaio scorso le Fiamme gialle hanno perquisito gli uffici milanesi di Fitch e allora il legale della società ha commentato: “Non posso confermare nulla. E’ in corso semplicemente un’attività di polizia giudiziaria”. Dal canto loro invece i militari hanno confermato che la società di rating ha violato, secondo le accuse, le regole di mercato, rivelando a più riprese l’imminente declassamento del rating dell’Italia e, con questi annunci, ha abusato di informazioni privilegiate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Le telefonate di Mancino a Napolitano non rientrano nelle tutele della Carta”

prev
Articolo Successivo

Lucera, 32 sindaci restituiscono la fascia contro la chiusura del tribunale

next