”Mi auguro che si arrivi ad un’intesa o comunque a un confronto conclusivo in sede parlamentare”. Lo ha detto a Lubiana il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ai giornalisti che gli facevano notare come le posizioni delle forze politiche sulla riforma della legge elettorale fossero assai distanti.

Dall’Italia arriva la replica del vicepresidente dei senatori del Pdl Gaetano Quagliariello intervenuto in diretta a “Radio anch’io” (RadioUno): ”Se resteranno le distanze con il Pd sulla riforma elettorale e sull’elezione diretta del capo dello Stato, allora vorrà dire che ognuno si assumerà le sue responsabilità: applicheremo la parte più importante della lettera di Giorgio Napolitano che chiede di misurarci apertamente in Parlamento, se necessario anche con lo scontro”.

Il parlamentare ha sottolineato come un accordo con il Pd era stato trovato: “ma dopo le amministrative anno detto che quell’accordo non bastava ad arginare il grillismo. Così hanno proposto il doppio turno che è un sistema che va però accompagnato dal semi-presidenzialismo. Per questo – ha concluso Quagliariello – lo abbiamo proposto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo: “Con il Porcellum il Movimento 5 Stelle potrebbe avere la maggioranza”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi: “Mi ricandido”. Gelo Pdl, poi Alfano dice: “Ti sosteniamo”

next