L’ex ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, e l’amministratore della Fata spa, Ignazio Moncada (ritenuto “il grande burattinaio”), sono stati interrogati oggi in qualità di persone informate dei fatti dai pm di Napoli che indagano su Finmeccanica. L’interrogatorio, a quanto si è appreso, si è svolto nella caserma dei carabinieri del Noe. I magistrati intendono approfondire l’esistenza di un presunto “sistema” per la gestione di Finmeccanica emersa dall’intercettazione di un colloquio tra Ettore Gotti Tedeschi e Giuseppe Orsi. Proprio i militari dell’Arma avevano perquisito l’abitazione di Moncada e la sede della Fata.

Secondo quanto si è appreso i pm Vincenzo Piscitelli, Francesco Curcio e Henry John Woodcock che avevano già sentito Tremonti quando era ministro, indirizzano anche l’attenzione sugli appalti ad aziende del gruppo anche all’estero, dopo l’acquisizione di documenti dovuta a recenti perquisizioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria, sciolta la Multiservizi: era finita in un’inchiesta di mafia

next
Articolo Successivo

“Così Intesa aggirò il fisco”. Ecco i particolari dell’indagine su Passera

next