E’ durato poche ore il blocco dell‘aeroporto internazionale di Tripoli: la brigata armata irregolare “Al Awifa” ha preso il controllo della zona e tutti i voli in partenza sono stati annullati, mentre quelli in arrivo sono stati dirottati sullo scalo di Mitiga. L’inviato di Al Jazeera sul posto riferisce di carri armati e altri mezzi blindati schierati lungo le piste di atterraggio, che impediscono sia il decollo dei velivoli già presenti che l’atterraggio di quelli provenienti dal paese e dall’estero. L’agenzia di stampa libica Lana, riporta: “La situazione nell’aeroporto sta ritornando alla calma”. La notizia è stata conferma anche dalla tv araba Al Jazeera, secondo la quale “i miliziani hanno deciso di interrompere la protesta dopo un colloquio con il presidente del Cnt, Mustafa Abdel Jalil“.

A quanto riferiscono fonti locali di sicurezza si tratta di un’occupazione decisa per protestare contro la scomparsa di uno dei capi dei miliziani della città di al-Tarhuna, situata a 80 chilometri dalla capitale, dalla cui provengono gli uomini di “Al Awifa”, scomparso mentre si recava a Tripoli per incontrare i capi delle forze di sicurezza del governo libico. I miliziani dunque accusano direttamente il Comitato di liberazione nazionale (Cnt) di averlo ucciso o comunque di essere implicato nella scomparsa del loro leader.

Il capo della brigata Al Awfia, Abu Ujeila Al Habashi, due giorni fa era andato a Tripoli per consegnare all’esercito regolare alcuni carriarmati. Da allora non se ne è saputo più nulla. Le autorità militari libiche però negano di saperne alcunché. Il portavoce del Cnt, Mohammed al-Harizy, ha dichiarato che Al Habashi sarebbe stato rapito da ribelli armati sconosciuti mentre era in viaggio tra Tarhouna e Tripoli la scorsa notte.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Libano “importa” la crisi siriana: scontri a Tripoli tra alawiti e sunniti, 15 morti

next
Articolo Successivo

Catturato a Berlino il killer di Montreal che spediva i resti delle sue vittime

next