Domenico Gramazio e Renata PolveriniSono anni che da destra e da sinistra si organizzano iniziative per salvare il Forlanini, storico ospedale romano, eccellenza mondiale nel campo della pneumologia e della chirurgia toracica. In crisi da anni per gravi deficit economici sempre ignorati dalle autorità regionali, come spesso succede alle strutture ospedaliere capitoline, chi ci ha messo sopra le mani lo ha fatto sempre nascondendo altri interessi e costringendo più volte medici e operatori sanitari ad attivarsi con raccolte di firme (quella del 2008 arrivò a quota 45 mila e impedì la chiusura dell’ospedale decisa dalla giunta Marrazzo), occupazioni e manifestazioni di protesta. Passano gli anni, ma la situazione non cambia: l’altro giorno, nell’aula magna, organizzata dall’Associazione “Realtà Sanitaria” onlus, presente il senatore e vicepresidente della Commissione Sanità Domenico Gramazio (Pdl), si è svolta un’altra iniziativa pubblica per salvare il Forlanini.

Massimo Martelli, primario di Chirurgia toracica e punto di riferimento delle battaglie che finora hanno impedito la chiusura della struttura, ha infiammato la platea. Alla fine il nuovo direttore generale, Aldo Morrone, ha formulato una generica promessa di costituire una sorta di cabina di regia allargata a tutti i soggetti interessati, per elaborare una proposta da sottoporre alla Regione Lazio, unica istituzione che può prendere decisioni in merito. La proposta dovrebbe partire proprio dal progetto che Martelli aveva presentato nell’estate 2010, quando aveva lasciato i panni di chirurgo per prestarsi al suo Forlanini in qualità di commissario straordinario, nella convinzione di poter cambiare le cose. In 40 giorni preparò un progetto articolato che, a costo zero, avrebbe consentito al Forlanini di risparmiare soldi e risorse, risolvendo al tempo stesso una serie di problemi strutturali.

Ma dalla Regione nessuno ha mai risposto. Sono seguite anche due interrogazioni parlamentari, entrambe inutili. L’unico ad agire, dimettendosi e tornando al suo lavoro di chirurgo, è stato Martelli. Ora il vicepresidente della commissione Sanità Gramazio dice di voler ripartire proprio da lì. Compatibilmente con la crisi finanziaria e con i tagli che stanno mettendo in ginocchio il sistema sanitario pubblico. Eccellenze comprese.

Nella foto (Lapresse) il senatore Domenico Gramazio e la presidente della Regione Lazio Renata Polverini

Il Fatto Quotidiano, 1 giugno 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Soldi pubblici, tasche private

next
Articolo Successivo

La soluzione di B. per la crisi economica? “Stampiamo euro con la nostra zecca”

next