In occasione di terribili eventi come quello della scuola di Brindisi, il governo appare nudo in tutta la sua inutilità.

Era già accaduto, peraltro, durante il disastro della Concordia, durante le rivolte dei Forconi. In quelle occasioni mi capitò di scrivereQualcuno ha visto un ministro in prima fila nella gestione di queste emergenze? Accadono nel Paese che dovrebbero governare, sapete. Era ridicolo Berlusconi a girare per l’Aquila promettendo dentiere, ma mi pervade angoscia nel constatare come questi robot se ne freghino bellamente di ciò che accade. Non li riguarda, loro si occupano solo di spread. Siamo completamente soli.

Saranno anche “tecnici”, ma sono tecnici finanziari, banchieri, economisti. Gente assolutamente non in grado di affrontare una guerra mafiosa, un ritorno di fiamma del terrorismo, o peggio oscure manovre di servizi segreti nostrani o stranieri. Gente incapace persino di gestire un’emergenza dovuta a calamità naturali, un terremoto, un’alluvione. Non sono all’altezza, e soprattutto è lampante come non gliene importi proprio nulla.

In questi momenti sentiamo allora più forte la mancanza della Politica, di quella con la P maiuscola. Il vuoto di potere che si è creato nel nostro Paese, con una classe dirigente completamente insulsa ed impotente e un governo incapace di qualunque azione che non riguardi “i mercati” o “la Bce”, lascia spazio alle scorribande di chi tenta colpi di mano a proprio favore. Sembra di rivivere il 1992/93, a distanza di vent’anni.

Stavolta però non lasciamoci soli. Esercitiamo il nostro senso critico verso ciò che ci viene raccontato, informiamoci sulla nostra storia e facciamo la guardia sul nostro presente. Prepariamoci a riappropriarci del futuro: siamo senza Politica e senza governo, è davvero l’occasione per un colpo di mano. Ma stavolta a nostro favore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Melissa, il ricordo del parroco di Mesagne

prev
Articolo Successivo

Brindisi: “Qualsiasi cosa farete non ci fermerete”

next