Far pagare gli evasori, salvare Equitalia, incassare denaro, far contenti i cittadini, finirla coi suicidi, zittire le polemiche.

Un sogno per qualsiasi italiano e anche per il governo in un momento come questo, in cui addirittura si spendono altri soldi per dispiegare l’esercito contro la gente disperata.

Un sogno possibile: è sufficiente un piccolo provvedimento che non costa nulla a nessuno. Ovvero, una moratoria di sei mesi-un anno su sanzioni ed aggio. I cittadini, in questo periodo limitato, hanno la facoltà di saldare tutti i loro debiti con Equitalia (fisco, multe, Inps) pagando solo la cifra originaria, anche rateizzandola se particolarmente alta. Trascorso tale periodo, si torna alle sanzioni con tutta la determinazione necessaria.

E’ un’idea win-win.

Anzitutto, non è un condono: chi deve denaro allo Stato paga senza alcuno sconto. Viene eliminata solo la sanzione, e anche se qualcuno potrà gridare all’ingiustizia occorre però tenere ben presente il momento storico: molti dei sanzionati non hanno comunque la possibilità di pagare certe cifre. Di conseguenza, lo Stato non incassa nulla. Non crediate che pignoramenti di case e aziende siano un procedimento veloce e poi così redditizio.

Sarebbe la fine dei suicidi. La fine della disperazione per tante aziende e tanti privati. La fine di assurde ingiustizie quali 4 euro di un ritardo che diventano 400 dopo qualche anno. Soprattutto, la fine delle polemiche: nessuno potrà in seguito accusare Equitalia di strozzare i cittadini con le sanzioni, se avendo l’opportunità di pagare non l’ha utilizzata.

E infine, una raccolta di denaro enorme nel giro di pochi mesi. Pare che allo Stato possa far comodo, a quel che sento. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“I killer di Calvi non verranno mai puniti. Sono protetti dallo Stato e dalla P2”

prev
Articolo Successivo

Avere vent’anni in Italia

next