Nuova puntata sul caso della scomparsa di Emanuela Orlandi. Oggi a Roma, nella chiesa di Sant’Apollinare, viene aperta la tomba del boss della banda della Magliana Renatino De Pedis. “Un primo passo importante per avvicinarsi alla verità”, ha dichiarato il fratello di Emanuela, Pietro Orlandi, “finalmente in collaborazione tra la magistratura e il Vaticano“. “Un atto simbolico non solo per la famiglia Orlandi”, il commento della giornalista del Fatto Rita Di Giovacchino, “la sepoltura di De Pedis – afferma – accanto ad artisti e cardinali è un fatto contrario a ogni logica, dovuto probabilmente ai rapporti tra gangster romani e alti prelati” di Nello Trocchia, montaggio di Tommaso Rodano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Allarme terrorismo: “La Tav è la madre di tutte le preoccupazioni”

next
Articolo Successivo

Lettera dal carcere del brigatista Morandi: “Onore al compagno Galesi”

next