Oggi in due hanno deciso di farla finita perchè schiacciati da difficoltà economiche; uno nei pressi di Prato, l’altro nel napoletano. Entrambi erano uomini di mezza età.

Il primo caso è quello di Arcangelo Arpino, 63 anni residente a Vico Equense, un imprenditore edile del napoletano che si è sparato un colpo alla tempia per problemi economici. Ha scelto come luogo del suicidio il parcheggio del santuario della Madonna di Pompei. Ha lasciato, per spiegare il suo gesto, due lettere, di cui una di scuse ai familiari e un’altra in cui racconta le pesanti conseguenze della crisi economica in atto e in particolare le difficoltà legate ad alcune cartelle notificategli da Equitalia. L’uomo si è ucciso alle tre di questo pomeriggio; inutili i tentativi di salvarlo da parte dei medici dell’ospedale di Castellammare di Stabia.

L’altro invece è un uomo di 55 anni trovato impiccato nei boschi di Vaiano, in provincia di Prato. Senza un lavoro stabile e con grossi problemi economici, l’uomo viveva insieme all’anziano padre, e tirava avanti grazie alla pensione di quest’ultimo. Quando il genitore è deceduto, due anni fa, è scattato un profondo stato di depressione nel figlio, dovuto ai gravi problemi economici visto che gli era venuta a mancare l’unica fonte di sostentamento. Oltre alla perdita della pensione, le difficoltà economiche erano acuite dall’affitto dell’appartamento nel quale viveva e per il quale aveva difficoltà a pagare il canone. Ha lasciato un biglietto nel quale chiede scusa. Dopo aver lavorato in una ditta tessile di Vaiano, l’uomo da diversi mesi era in mobilità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bisogna scrivere dei suicidi?

prev
Articolo Successivo

Uccise un tassista perché investì un cane: condannato a 14 anni in primo grado

next