Un certo Riccardo, che gli investigatori individuano in Riccardo Bossi, scrive al tesoriere della Lega nord Francesco Belsito per comunicare “i pagamenti a cui devo fare fronte al 31 gennaio 2011”. Cifre per diverse migliaia di euro, ma il figlio primogenito del Senatùr non risulta avere alcun incarico nel partito.

“Caro Francesco, ti elenco i pagamenti a cui devo fare fronte al 31 gennaio 2011”, è l’incipit del documento trovato dagli inquirenti nella cassaforte romana di Belsito –  indagato per truffa aggravata e appropriazione indebita nell’ambito dell’indagine sui fondi del partito – vicino all’ormai famosa cartellina intestata a “The Family”. L’elenco comprende “981 euro relativi all’ultimo pagamento per il noleggio della Clio”, e la richiesta di “saldare in contanti le multe arrivate ad oggi” per 1.857 euro.

Riccardo cita anche un pagamento non meglio specificato per il noleggio di un’auto e un altro pagamento di 12.625 euro (indicato come “5.175 + 7.450”) per un altro noleggio fino a febbraio 2011. E ancora si parla di “saldare un lavoro in carrozzeria” per 3.900 euro e “rate di leasing assicurazione” per 2.589 euro.

Infine, un misterioso riferimento alla definizione di un “vecchio problema a base blu”. Il sospetto degli inquirenti è che questi pagamenti siano stati effettuati con i soldi ottenuti dalla Lega a titolo di rimborso elettorale. I soli incarichi politici che si ricordino del primogenito di Bossi, noto soprattutto per le corse di rally, sono di diversi anni fa, come assistente di Francesco Speroni e Matteo Salvini al parlamento europeo nei primi anni 2000. 

La missiva si conclude con un’espressione di gratitudine: “Grazie mille per tutto quello che stai facendo e sono a tua completa disposizione per ogni approfondimento che ritieni necessario”. 

In merito ai presunti benefit ottenuti dai familiari di Umberto Bossi, da registrare la dichiarazione dell’altro figlio Renzo a proposito del diploma di laurea di un’università di Tirana, anche questo emerso dalla cartellina “The Family”: “Mi dissocio completamente da quel diploma”.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Bossi voleva cacciare Belsito ma chi comanda è la moglie”

prev
Articolo Successivo

Grillo: “Il denaro fuori dai partiti”. Bersani: “Demagogo, ma fa politica”

next