Umberto Bossi a Conegliano (Treviso) prova a salvare capra e cavoli. Parte invocando controlli ancora più approfonditi sul Carroccio: “E’ meglio che venga fuori tutto, la Lega non è il Psi che rubava alla gente e si faceva pagare le tangenti. La Lega non ha rubato niente, ha sprecato soldi e chi li ha sprecati li restituirà”. Ma frena subito e grida al complotto: “Non c’è alcun risvolto penale, la pena è passare attraverso tv e giornali. Noi non abbiamo rubato alla gente. E’ un tentativo di Roma per dividere il movimento. Non si può sconfiggere il Nord, è inutile che Roma se la meni…”. Alle domande su Piergiorgio Stiffoni che coinvolto nell’inchiesta si è autosospeso, il presidente ha spiegato: “Gli ho chiesto come è andata e lui ha detto che i soldi erano suoi. Controlleremo tutto”.

Il senatur poi si fa confuso: “Vivo male questi momenti non avevo capito chi era quello lì”, dice riferendosi all’ex tesoriere Belsito, anche perchè “cercava di agganciare i miei figli”. Sul “trota” ammette lo sbaglio: “Uno degli errori è stato portare in politica mio figlio. Ma i miei figli sono cresciuti alle feste della Lega, si appassionavano. E’ un errore coinvolgere i figli nella politica, è pericoloso”. Ma di mollare lui stesso non se ne parla: “Io non posso ritirarmi assolutamente perchè altrimenti la gente penserebbe che è colpa degli altri. Io ho fatto la Lega, questo la gente non lo dimentica e devo garantire la continuità senza contraccolpi negativi. Troveremo la quadra”.

Quindi torna agli slogan dei “vecchi tempi” precisando le origini etnico/culturali del partito: “Nella Lega ci sono solo lombardi e veneti, non ci sono mafiosi”. Ma di secessioni interne il fondatore del movimento non ne vuole sentir parlare: “Adesso la cosa fondamentale da fare è stare uniti. No alle divisioni tra maroniani e bossiani, che fanno male. No alle lotte personali ma dobbiamo stare tutti uniti “. Poi sull’Imu Bossi si fa mistico: “Una tassa mutuata dal nostro federalismo ma noi la pensavamo per la seconda casa. La prima casa è sacra, è una cosa spirituale“. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Campidoglio concede la sala a Freda Alemanno: “Revocherò l’autorizzazione”

next
Articolo Successivo

Se l’inventore di Miss Padania fa carriera come dirigente dell’Asl

next