I cimiteri di guerra angloamericani, polacchi, ecc., così ordinati e solitari, mi hanno sempre colpito pensando a quei ragazzi il cui destino si è consumato nel morire per liberare una terra non loro.

Mi sembra una grave e ingiusta mancanza, sotto il profilo innanzitutto storico, non ricordarli mai nelle celebrazioni del 25 aprile. Mai un discorso di qualche autorità, un fiore o una preghiera o tutte e tre le cose assieme.

Ecco, è tutto: mi sembrava solo giusto dirlo, proprio oggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il 25 aprile e le pagine della vergogna

next
Articolo Successivo

Il cinema che resiste, l’Italia che resiste

next