I tratti dell’autostrada A14 tra Senigallia e Ancona nord in direzione di Pescara e tra Ancona sud e Ancona nord in direzione di Bologna sono stati chiusi a causa della manifestazione della Fiom Cgil contro la riforma del lavoro, la nuova riformulazione dell’articolo 18 e le motivazioni per il reintegro. I manifestanti, un migliaio, sono entrati da poco in autostrada.

Secondo il segretario regionale della Fiom Cgil Giuseppe Ciarrocchi, ci sono dipendenti dei cantieri navali e delle aziende metalmeccaniche della Vallesina. Uno striscione di una decina di metri con la scritta “Manifestamente insussistenti” apre il corteo, che è scortato dalle forze di polizia. Al centro delle proteste il ruolo dei lavoratori, che i manifestanti reputano “sempre più marginalizzati e ‘inesistenti'”.

Nella zona sono presenti molti agenti delle forze di polizia in assetto antisommossa, ma sinora non ci sono stati incidenti. Il casello era già stato chiuso in uscita, così come gli accessi dalla SS 76.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, la Fiom perde il ricorso contro Fiat per la riammissione delle Rsa

next
Articolo Successivo

Schiavi del voto di scambio

next