Due anni fa.
L’uomo, sui settanta, vedovo, con un figlio che vive in Canada, non sa che pesci pigliare.
Gli han detto: Ha un tumore, non è operabile, possiamo provare con la chemio.
Operatemi, aveva provato a chiedere nel piccolo ospedale della sua piccola città.
Sarebbe inutile, gli avevano risposto.
Alla fine si decide: e telefona al figlio e il figlio, immediatamente, si mobilita. Da bravo figlio.
Telefona a una sua amica, che è anche una sua lontana parente e che vive dove vivo suo padre. Vai da lui, fatti dare tutta la documentazione medica che ha, poi scannerizza, mandami tutto e fai prima possibile.
L’amica esegue e lui si rivolge a un ospedale canadese.
Possiamo operarlo, dicono.
L’uomo, a questo punto, si precipita in Italia, stupido paese che non sa curare i malati, pensa.
Quando arriva, però, l’attende una sorpresa: ha preso informazioni anche la sua amica-lontana-parente: a Milano c’è un ospedale dove possono operare tuo padre, gli dice.
E così sia.
Operare l’uomo significa – almeno – lasciare aperta la porta della speranza.
L’operazione riesce, il sessantenne torna a casa, il bravo figlio in Canada.

Pochi giorni fa.
Il settantenne non si sente per niente bene: e torna nell’ospedale della sua piccola città.
Non vuole rompere le scatole al figlio, che ha la sua vita e le sue grane, lontano.
Certo, è preoccupato.
Si fa visitare.
L’oncologo scuote la testa. Fa una smorfia. Dice al settantenne: Deve prenotare una tac.
Poi?, domanda lui.
Poi torna e vediamo il da farsi.
Il settantenne vorrebbe dire, ma non osa, Scusi dottore ma perché non me la fate subito questa benedetta tac?
Macché: fin da piccolo gli hanno insegnato a rispettare gli altri, e non essere invadenti. Così saluta il dottore e, con la testa che gli gira forte forte, esce dal reparto. Mogio mogio, a testa china.

Buongiorno, si sente dire.
E’ una giovane dottoressa, che aveva conosciuto due anni prima.
Come va?, gli domanda la dottoressa.
Il settantenne sintetizza due anni in due minuti: l’intervento chirurgico a Milano, i nuovi malesseri, la visita appena fatta, la Tac da fare dopo aver seguito tutto l’iter (medico di famiglia, prenotazione, ticket).
La giovane dottoressa, però, gli domanda: Scusi, mi ripeta bene. Cosa le ha detto il mio collega?
Che devo prenotare una Tac, risponde.
La giovane dottoressa, scuotendo la testa, dice: Venga con me, la Tac la facciamo subito.
Il settantenne ringrazia, stupito. Quasi quasi è contento.

Brava gente, i dottori. E anche no.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il bon ton della rete

next
Articolo Successivo

Un augurio per chi sbaglia strada

next