Per i palestinesi il 30 marzo è il giorno della Terra: in questa data, nel 1976, sei persone vennero uccise dall’esercito israeliano, durante una marcia di protesta contro la confisca di alcuni terreni. Quest’anno la giornata della Terra si è trasformata nella Marcia su Gerusalemme, con decine di manifestazioni simultanee in tutto il Medioriente. L’esercito israeliano, preoccupato dall’elevato numero di partecipanti, ha schierato migliaia di soldati in tutti punti strategici della Cisgiordania e ai confini con Libano e Giordania. Gli scontri più violenti sono avvenuti ai check-point d’ingresso a Gerusalemme, sia nord a Qalandia, vicino a Ramallah, sia a sud a Betlemme. Le truppe israeliane hanno ucciso un giovane palestinese nella zona a nord di Gaza nel corso delle manifestazioni, ci sono stati anche centinaia di feriti, tra loro anche Mustafa Barghouti, organizzatore della marcia e parlamentare palestinese di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Birmania al voto, la nuova sfida di Suu Kyi “Non saranno elezioni libere, ma tolleriamo”

next
Articolo Successivo

India, governo Kerala: “I marò italiani devono rimanere qui”

next