Per i palestinesi il 30 marzo è il giorno della Terra: in questa data, nel 1976, sei persone vennero uccise dall’esercito israeliano, durante una marcia di protesta contro la confisca di alcuni terreni. Quest’anno la giornata della Terra si è trasformata nella Marcia su Gerusalemme, con decine di manifestazioni simultanee in tutto il Medioriente. L’esercito israeliano, preoccupato dall’elevato numero di partecipanti, ha schierato migliaia di soldati in tutti punti strategici della Cisgiordania e ai confini con Libano e Giordania. Gli scontri più violenti sono avvenuti ai check-point d’ingresso a Gerusalemme, sia nord a Qalandia, vicino a Ramallah, sia a sud a Betlemme. Le truppe israeliane hanno ucciso un giovane palestinese nella zona a nord di Gaza nel corso delle manifestazioni, ci sono stati anche centinaia di feriti, tra loro anche Mustafa Barghouti, organizzatore della marcia e parlamentare palestinese di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Birmania al voto, la nuova sfida di Suu Kyi “Non saranno elezioni libere, ma tolleriamo”

prev
Articolo Successivo

Giappone, pena di morte
e umanità

next