Ieri in piazza del Pantheon a Roma, si è tenuto un incontro pubblico organizzato dal Partito Democratico per dar voce al dramma siriano. Presenti all’iniziativa, oltre me, Lapo Pistelli, Aya Homsi, Giacomo Filibek e Pierluigi Bersani. Abbiamo tutti indossato per l’occasione un fiocco nero, come ulteriore simbolo della nostra vicinanza a ciò che accade in Siria.

Durante questo incontro ho fatto tre richieste specifiche al PD per concrettizzare l’incontro.
1- Ritirare al più presto l’onoreficenza data a Bashar al Assad nel 2010 dalla Repubblica Italiana.
2- Far chiudere l’ambasciata siriana e interrompere i contatti diplomatici, vista la posizione di condanna da parte dell’Italia contro il governo siriano.
3- L’italia deve farsi mediatrice di un dialogo tra le diverse anime dell’opposizione siriana che sino a questo momento non sono riuscite a trovare una linea di intenti comune, a meno che nel vertice di questi giorni a Istambul non succeda un miracolo che faccia accordare tutte le varie anime.

Bersani dal canto sua ha dichiarato ”Vogliamo dare voce a questa tragedia enorme che si sta svolgendo nel silenzio e anche nella disattenzione generale  e vogliamo dire con nettezza che il massacro in Siria deve fermarsi, che l’opposizione siriana deve riunirsi e convergere, che Assad deve andarsene”.

Durante l’incontro di ieri a Roma, è arrivata la notizia dell’accettazione da parte della Siria del piano di Kofi Annan. Per il momento alle parole non sono seguiti i fatti. Lo dimostra lo sconfinamento di una cinquantina di soldati siriani in territorio libanese. Secondo l’agenzia Reuters, i soldati  sirinani avrebbero distrutto alcune fattorie al confine. Non è la prima volta che i siriani sconfinano in territorio libanese. Qualche tempo fa l’esercito di Damasco a preso a cannonate la zona di Wadi Khaled, in cui si trova il campo profughi dei civili siriani scappati, sopratutto provenienti dal villaggio di Talkalakh.

Le continue pressioni internazionali e l’isolamento porteranno a una inversione di rotta, anche leggera, del regime di Damasco. Il punto di svolta però, risiede nell’opposizione siriana e nella sua capacità di trovare una leadership credibile e forte, al più presto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Rivoluzioni Spa”, i retroscena della Primavera araba: gli Usa dietro le rivolte 2.0

next
Articolo Successivo

Scuola inadeguata, famiglie deboli e disoccupazione alla base dei riots di Londra

next