Le Prefetture potranno sciogliere i Comuni e le Province se non rispetteranno i criteri di contrasto della corruzione. È forse il punto più rilevante della relazione che sarà presentata oggi al seminario fra i ministri Filippo Patroni Griffi (Funzione pubblica), Anna Maria Cancellieri (Interni) e Paola Severino (Giustizia). Un documento in cui la Commissione anticorruzione, nominata da Patroni Griffi e presieduta da Roberto Garofoli, segnala al governo dove e come intervenire per contrastare la corruzione. La norma dovrebbe poi passare nel maxi-emendamento al disegno di legge contro la corruzione.

Il ministro Severino ha promesso che, entro fine marzo, le modifiche del governo arriveranno a Montecitorio, a quel testo dimenticato nei meandri dei palazzi, che innervosisce non poco il Pdl. La scadenza s’avvicina e il governo, che deve mediare soprattutto con i berlusconiani (l’avvocato Niccolò Ghedini, inviato speciale), decide di forzare per misurare la reazione dei partiti.

Il documento dei commissari di Patroni Griffi chiarisce subito il proprio fine: “La lotta alla corruzione è stata assunta come una priorità del governo Monti: minando la fiducia dei mercati e delle imprese, il diffondersi delle prassi corruttive determina, invero, tra i suoi molteplici effetti, una perdita di competitività per i Paesi. Se non adeguatamente contrastata, la corruzione è causa di costi enormi, primi tra tutti la destabilizzazione delle regole dello Stato di diritto e del libero mercato: ingenti sono inoltre i costi economici del fenomeno, dalla Corte dei Conti stimati in diversi miliardi di euro l’anno.

Tre i passaggi fondamentali della nuova disciplina.

Cariche che si mescolano e si raddoppiano: “È necessaria un’organica revisione del sistema delle incompatibilità dei dirigenti delle pubbliche amministrazioni, volta ad assicurare una maggiore ed effettiva indipendenza personale della dirigenza e una maggiore fiducia dei cittadini sulla relativa imparzialità nell’esercizio delle funzioni affidate. È necessario, quindi, regolamentare i rapporti tra i titolari degli incarichi amministrativi (in specie dirigenziali) e gli interessi esterni destinati ad influire negativamente sulla indipendenza del funzionario, tenendo conto delle situazioni di conflitto che possono prodursi tra la titolarità di compiti dirigenziali e l’assunzione di interessi (cariche societarie e incarichi temporanei) presso imprese private, in particolare presso imprese che abbiano con l’amministrazione interessata rapporti molto stretti, quali la sottoposizione a regolazioni e controlli o la concessione di contribuzioni economiche”.

Amministratori locali con la fedina penale sporca: “Va ancora ripensato il sistema delle regole relative all’accesso alla carica dei titolari di organi politici, con la parziale riscrittura della disciplina delle incandidabilità e delle ineleggibilità, certo introducendo un rigido divieto di ricoprire cariche elettive e di governo a seguito di sentenze di condanna per talune fattispecie di reato”.

E poi c’è il ruolo dei Prefetti, che è stato l’argomento di un’audizione in Commissione dei vertici del ministero dell’Interno.

di Ferruccio Sansa e Carlo Tecce

da Il Fatto Quotidiano del 23 marzo 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Condannato a 6 anni e sorvegliato speciale Ma il consigliere provinciale non si dimette

next
Articolo Successivo

Il menù del carcere ha soltanto piselli e fave Aiello intollerante, il giudice: “Ai domiciliari”

next