Placido Rizzotto era un sindacalista della Cgil, un militante socialista. Tornato dalla guerra aveva deciso di schierarsi dalla parte degli ultimi e di promuovere e di sostenere la lotta per l’occupazione delle terre incolte e per dare un contratto e un futuro ai braccianti della zona di Corleone, territorio ad alta presenza mafiosa.

Le sue denunce e le sue azioni gli avevano attirato l’odio degli agrari, dei mafiosi, dei loro protettori politici che, ieri come oggi, odiavano chiunque si battesse per la legalità ed i diritti.

Così guidati da Luciano Liggio, detto lo Sciancato, decisero di sequestrare e di ammazzare Placido Rizzotto e di buttare il suo corpo in un crepaccio. Il giovane tenente Carlo Alberto Dalla Chiesa mise le mani sui mandanti e sugli esecutori, ma il tribunale li assolse per i sufficienza di prove, anche perché il cadavere non era stato ritrovato.

Dopo 64 anni i resti di Rizzotto sono stati rintracciati, ora finalmente familiari, amici, compagni avranno un luogo dove recarsi per ricordarlo ed onorarlo. Proprio per queste ragioni sarebbe giusto e civile dedicare a Placido Rizzotto i “funerali di Stato“, tributargli l’omaggio dovuto a chi davvero ha onorato l’Italia e la Costituzione repubblicana.

Mai come in questo momento serve recuperare la memoria ed il rispetto nei confronti di chi è stato ammazzato per non  aver accettato di levarsi il cappello davanti ai cosiddetti “Uomini d’onore” che, ieri come oggi, hanno sempre e solo disonorato l’Italia. I funerali di Stato sarebbero non solo un omaggio dovuto a Placido Rizzotto, ma anche un riconoscimento a quanti, come lui, hanno perso la vita contrastando le mafie di ogni natura e di ogni colore.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casapesenna, il Riesame scarcera il sindaco accusato di collusione con i Casalesi

next
Articolo Successivo

Lamolinara, fatale un colpo alla testa. Ora è tensione tra i servizi segreti

next