“Se questo è un presidente”. Si intitola così l’ennesimo post polemico scritto dal comico genovese Beppe Grillo sul suo blog all’indirizzo del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. “Pertini avrebbe invitato a pranzo i sindaci al Quirinale”, ha scritto Grillo a proposito della decisione del Capo dello Stato di non incontrare i sindaci della Val di Susa contrari all’alta velocità. Napolitano invece, scrive il comico “ci ha accolto per lunghi anni Berlusconi tra una firma per il Lodo Alfano e una per lo Scudo Fiscale. Io trovo gravissimo che il presidente della Repubblica non incontri dei suoi concittadini, rappresentanti delle istituzioni locali. Sono italiani e sindaci, non mafiosi o piduisti”.

Non è la prima volta che il blogger interviene su quanto sta accadendo in Val di Susa. Solo nell’ultima settimana, sono andati online due post: uno lunedì 27 febbraio, dopo la caduta di Luca Abbà dal traliccio dell’alta tensione (leggi), poi sabato 3 marzo, “Un belato vi seppellirà”, intervento che partiva dalla storia del militante che provoca il carabiniere (“Sei una pecorella”) per allargarsi a una critica totale delle “pecorelle italiane” ossia “quel migliaio di parlamentari che si nascondono dietro a Rigor Montis”. Per Grillo: “La Tav in Val di Susa non si farà. L’unica possibilità è deportare la popolazione come avveniva ai bei tempi di Stalin per ucraini e tartari. La Tav non serve, 22 miliardi per trasportare merci che con la ferrovia attuale sono meno del 50% della capacità. A chi vanno quei soldi? Perché non vengono destinati alla scuola, alla sanità, all’innovazione? 360 docenti, ricercatori e professionisti hanno chiesto al presidente del Consiglio di tener conto dei risultati scientifici sulla inutilità della Tav a fronte di costi elevatissimi e di una distruzione ambientale. Nessuna risposta è pervenuta”.

L’inventore del Movimento 5 stelle conclude: “Per bloccare la Tav bisogna informare gli italiani. Il blog lancia una due giorni No Tav in tutta Italia sabato 10 e domenica 11 marzo con la creazione di banchetti per la distribuzione di volantini. La mappa dei banchetti sarà aggiornata in tempo reale sull’area Foursquare del MoVimento 5 Stelle. Loro non si arrenderanno mai. Noi neppure”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bossi e la pecorella Monti

prev
Articolo Successivo

“I No Tav sul palco cambiano la natura del 9 marzo”. Il Pd non partecipa al corteo Fiom

next