Giuseppe Pignatone è il nuovo capo della procura di Roma. Lo ha deciso il plenum del Csm all’unanimità. In magistratura dal 1974, Pignatone ha 63 anni e quasi tutta la sua carriera si è svolta a Palermo, dove è stato prima sostituto procuratore, poi dal ’96 procuratore aggiunto presso la pretura circondariale e dal 2000 presso la procura ordinaria. Dal 2008 è procuratore a Reggio Calabria. Tra i tanti procedimenti di cui si è occupato, quelli sugli omicidi di Piersanti Mattarella, Pio La Torre, Michele Reina e Rosario Di Salvo, conclusi con la condanna all’ergastolo di numerosi componenti della cupola mafiosa.

A Palermo ha diretto le indagini che hanno portato alla cattura di alcuni tra i più pericolosi latitanti, a cominciare da Salvatore Riina, Leoluca Bagarella e Michelangelo La Barbera. A Pignatone si devono anche le indagini per la cattura di Giovanni Brusca, nel cui ambito non solo venne scoperto il più grande arsenale di Cosa Nostra, ma anche il nascondiglio dove era stato segregato e poi ucciso il piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore Santino. E portano il suo nome anche le indagini che nel maggio 1993 hanno permesso l’individuazione del primo nucleo di responsabili della strage di Capaci.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il movimento econazionalista padano
(ma non leghista) lancia la sua moneta

next
Articolo Successivo

Gabriele Sandri, giustizia giusta

next