Interessante, questa sera, la vernice della mostra del giovane fotografo Andrea Bugno, alla Casa della Cultura Argentina, Ambasciata della Repubblica Argentina, a Roma. Dopo varie personali sia in Italia che in Argentina, infatti, l’artista – che si definisce photographing art engineer – espone un nuovo progetto, una trilogia che si colloca tra sogno e realtà. Molto evocative, le foto oscillano tra il “nulla” di nuvole e nebbie di scatti fermati in giro per il mondo che descrivono paesaggi onirici, mistici e interiori, e le tappe di un viaggio che l’autore intraprende all’alba per raggiungere in auto un luogo molto ameno: Los Esteros del Iberà (un territorio immenso nello stato di Corrientes in Argentina caratterizzato da vegetazione bassa selvaggia ed immense paludi, un bacino preziosissimo, ricco di acqua e di una fauna e flora unica). “Attraverso queste immagini – spiega Bugno al Fatto Quotidiano – ho cercato di rappresentare il mondo del sonno e del sogno di ciascuno di noi”.

La notte, il buio, l’alba, le prime luci, i riflessi, le ombre, la luce raccontano quindi un percorso introspettivo almeno quanto altre immagini ritraggono, nella sua concreta realtà viva, Buenos Aires, città dove l’autore vive da molti anni e dove la psicanalisi ha la più importante diffusione a livello mondiale. Sonno e veglia quindi intesi fotograficamente come due aspetti della stessa esperienza, sia estetica che esistenziale: “La visione di queste foto – continua Bugno – esula dalla descrizione realista dei quei luoghi perché i mondi assoluti non esistono. Fin dalle culture primitive ed ancestrali l’essere umano ha sempre associato il parallelismo fra la vita terrena sulla terra e la presenza di dio o comunque di una forza superiore, un mistero cosmico, associandolo al cielo ed al cosmo appunto”. La trilogia (Onirycs, Oblivion e Trespassing) nella prima parte, descrive la realtà come la percepiamo (10 foto enormi, 100×150), nella seconda (7 foto 100×150 e 20×30) racconta l’essere umano nella sua umana natura (bellissimi gli scatti dalle pendici dell’Etna e il volo intercontinentale a 10.000 metri), e nella terza la sacralità.

www.bugno.tv

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Madama Butterfly, alla ricerca del genio perduto

next
Articolo Successivo

La vita e il teatro
fuori dalle regole

next