Ci si è messo anche il gelo a rallentare l’iter del processo Mills, in corsa contro la prescrizione. Il troppo freddo nell’aula al piano terra del Palazzo di Giustizia di Milano, dove avrebbe dovuto cominciare stamani l’udienza del processo a carico di Silvio Berlusconi ha convinto i giudici della decima sezione penale, d’accordo con i difensori e con il pm Fabio De Pasquale, a cercare un’altra sede più calda, sospendendo a lungo i lavori.

Nell’aula al piano terra, infatti, i termosifoni sono spenti e ci sono anche dei lavori in corso al soffitto. Una scena surreale, tanto che l’avvocato Piero Longo, uno dei legali dell’ex premier, è stato costretto a indossare i guanti. Il collegio ha cercato a lungo di capire se fosse possibile trovare un’altra aula disponibile per far cominciare l’udienza. Solo alle 11,30, con uno slittamento di circa un’ora e trenta rispetto all’orario previsto, è stata trovata un’aula al primo piano – dove si celebrano normalmente le udienze del processo Ruby – dove la temperatura era più mite. I tecnici hanno dovuto allestore il monitor utile per la proiezione di alcune diapositive per la deposizione del consulente della difesa, Claudia Tavernari, che oggi doveva rispondere alle domande del pm De Pasquale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Gas, il ministero attiva la “fase di emergenza”
Marcegaglia: “Mettere mano alle riserve”

next
Articolo Successivo

Il marciapiede meglio spalato della via

next