Alessandro Profumo

Secondo l’accusa, attraverso un’operazione di finanza strutturata denominata Brontos, hanno frodato il fisco per 245 milioni di euro, al fine di arricchire Unicredit e nell’interesse stesso della banca. Per questo motivo il procuratore aggiunto di Milano, Alfredo Robledo, ha chiesto il rinvio a giudizio di Alessandro Profumo, ex ad di Unicredit, e di altre 19 persone, tra cui alcuni manager ed ex manager dell’istituto di credito e tre manager dell’istituto londinese Barclays. L’accusa per tutti è di dichiarazione fraudolenta dei redditi con ostacolo alle indagini, per ipotesi di reato che arrivano fino al settembre del 2009. Per gli inquirenti, Profumo avrebbe approvato la realizzazione dell’operazione ‘Brontos’ “apponendo la propria sigla sulle richieste di approvazione dell’investimento” il 1 marzo del 2007, il 9 aprile del 2008 e il 7 novembre del 2008″.

Secondo il castello accusatorio della Procura, Unicredit ha messo a bilancio dividendi invece che interessi, pagando in questo modo solo il 5 per cento al fisco sui proventi, invece che il 100 per cento. Nei mesi scorsi, con un provvedimento senza precedenti, il pm aveva chiesto e ottenuto dal gip il sequestro di 245 milioni di euro, ovvero l’equivalente della presunta frode. Il Tribunale del Riesame, però, a fine novembre, aveva accolto il ricorso della banca e disposto il dissequestro della somma. Il pm ha impugnato la decisione del Riesame davanti alla Cassazione e l’udienza non è ancora stata fissata. Non si è fatta attendere la reazione dell’ex ad di Unicredit, che ha detto di esser “felice che finalmente la vicenda che mi vede coinvolto e il mio personale operato possano essere serenamente oggetto di giudizio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bogart, Scajola, B., Malinconico et al.

next
Articolo Successivo

Violenza di gruppo, Cassazione: possibili anche misure cautelari diverse dal carcere

next