“Diamoci un taglio”. E’ questo lo slogan con cui il movimento No Tav si è ricompattato in vista della manifestazione di domenica. Parole d’ordine e (soprattutto) modalità di piazza sono state chiarite giovedì sera in un’assemblea pubblica al centro polivalente di Villar Dora (To). E il messaggio del popolo che si oppone all’alta velocità è chiaro: dopo gli incidenti di sabato a Roma, chi cercherà la violenza si porrà contro il movimento.

La manifestazione partirà da Giaglione e arriverà al cantiere di Chiomonte per tagliare le reti che cingono il cantiere del tunnel geognostico, “a volto scoperto, senza oggetti contundenti, solo le bandiere No Tav e le tronchesi”, come ha ribadito Alberto Perino, uno dei portavoce.

No alla violenza ma sì alla disobbedienza civile. Tagliare la recinzione, secondo i No Tav, è un piccolo gesto illegale di fronte alle irregolarità del cantiere e della linea Torino-Lione: “Fette dello Stato difendono questa illegalità e noi domenica faremo la nostra illegalità”, argomenta Perino.

Davanti a una sala con più di cinquecento persone che occupavano tutti gli spazi possibili, il portavoce ha dismesso i panni da “Beppe Grillo della Valsusa” e con un tono pacato ha premesso: “Nessuno di noi né vuole né deve cercare lo scontro. Ci siamo giocando una grossa fetta del patrimonio di 21 anni di battaglie”. Meglio recuperare l’atteggiamento non-violento che anima i valsusini: “È importante fare come abbiamo fatto il 30 luglio scorso, quando Roberto Maroni disse che ci sarebbe scappato il morto e invece non è successo niente”. La convinzione diffusa è che gli allarmi siano stati lanciati per sfibrare il movimento con la paura, come fa notare una giovane mamma che prende la parola sul palco: “Sentendo le notizie riflettevo su quanto mi convenisse partecipare domenica”, ha detto prima di confermare la sua presenza.

Per la marcia i comitati hanno posto regole e una scaletta di azioni: partenza da Giaglione, percorso in mezzo ai boschi per arrivare alla baita della Clarea, dove i manifestanti si compatteranno. “Da lì chi vuole si avvicina alle reti – ha spiegato Perino –. Ci sarà un segnale per avvicinarsi e uno per allontanarsi”. La zona rossa comincerà a mille metri dalle reti. Perino ha chiesto ai manifestanti di prendere precauzioni contro gli idranti e i lacrimogeni.

“Se useranno violenza gireremo i tacchi e ce ne andremo”, ha precisato Maurizio Piccioni, del movimento “Spinta dal Bass” e portavoce dei No Tav. Per Elisio Croce, un veterano della protesta No Tav, “questa è una valle di idealisti, pacifisti e non violenti. I valsusini hanno il coraggio di andare a volto scoperto e di dire a chi si copre di mostrare i suoi occhi”; e per Perino “chi non accetta le condizioni di questa assemblea si pone contro il movimento”.

È un chiaro segnale lanciato agli estranei con cattive intenzioni tanto temuti dalla questura. Nel mirino non ci sono le ragazze e i ragazzi del centro sociale torinese Askatasuna, sottoscrittori delle “regole d’ingaggio” dei comitati. Lo sanno che domenica si segnerà un punto cruciale, come ha affermato Piccioni: “Abbiamo l’Italia che ci guarda”. Una manifestazione non violenta e un atto di disobbedienza civile ben riuscito potranno “dare un nuovo inizio per vincere la battaglia. Siamo in vantaggio”, ha detto citando i numeri delle forze e dei mezzi dispiegati dalle forze dell’ordine nel fine settimana.

Ma alcuni dei presenti si sono detti contrari al taglio delle reti, gesto che potrebbe provocare reazioni di polizia e carabinieri. Qualcuno ha proposto di usare delle tronchesi di cartone, un altro chiede di portare delle reti da casa e tagliare quelle. “La disobbedienza civile non è un gesto simbolico”, ha tagliato corto Perino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parla il blocco nero: “Gli indignati? deboli
e destinati a sparire. Ci vuole l’insurrezione”

next
Articolo Successivo

“Dei partiti non ci fidiamo più”. Gli aquilani lanciano una coalizione della società civile

next