“Affermare che i magistrati siano diventati pigri e che usino la rete delle intercettazioni come la modalità di inchiesta più comoda è un argomento di una fragilità sconvolgente. Pretendere che i magistrati rinunzino allo strumento delle intercettazioni o ne riducano le potenzialità operative è come pretendere che i medici rinuncino alle radiografie, alle tac, alle risonanze magnetiche”.

Questa la dichiarazione del magistrato Gian Carlo Caselli, rilasciata nel corso della registrazione della puntata di stasera di In Onda, il programma di approfondimento de LA7 condotto da Nicola Porro e Luca Telese. “Secondo la normativa, che potrebbe diventare legge dello Stato, lo strumento delle intercettazioni, che dovrebbe essere agile, rapido e incisivo, diventa invece uno strumento barocco, pletorico come tanti altri e non “pungere” più”.

“Questo – prosegue Gian Carlo Caselli – avviene per opera delle forze politico-culturali che sulla sicurezza fondano le loro fortune politiche. Non si possono impostare campagne elettorali sul tema della sicurezza e dimenticarsene quando si parla di intercettazioni, dando picconate alla protezione della sicurezza dei cittadini. Non si è coerenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libero il figlio di Riina. Ma va a Corleone
invece che a Padova

next
Articolo Successivo

Milano, riparte il processo Ruby. Il Gup
decide sul rinvio di Fede, Mora e Minetti

next