Se al Presidente Morales si deve la nuova Costituzione boliviana, che per la prima volta riconosce i diritti dei popoli nativi, la questione dell’autostrada amazzonica sta deludendo il suo elettorato, e minando l’esistenza del suo governo.

Sono infatti due i ministri che, in seguito alle violenze della polizia sulle persone che manifestavano contro la costruzione di questa “grande opera” nel pieno del polmone verde del mondo, si sono già dimessi.

Si possono notare molte analogie fra quanto sta accadendo in Bolivia e ciò che è avvenuto in questi ultimi mesi nella nostra Valle di Susa, anche nelle cariche e nell’uso dei lacrimogeni. Ma soprattutto le differenze. Là, infatti, ci sono ancora ministri con una coerenza, un coraggio e una dignità tali da fargli decidere di dimettersi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emergenza rifiuti in Campania, l’Italia rischia
una mega-multa dall’Unione europea

next
Articolo Successivo

Tav: arresti, lacrimogeni e altro ancora

next